lunedì 14 maggio 2012

20th Century Boys


20th Century Boys è un manga di Naoki Urasawa che mi ha sempre gasato e lo reputo una delle cose più penze che si possa leggere. Probabilmente, quando sarò ministro dell’istruzione, imporrò la sua lettura alle superiori.
In italia il fumetto ha lo stesso formato del mercato giapponese, ovvero 22 tankobon. Le persone che amano dare un genere ad ogni cosa che fanno\leggono\ascoltano\mangiano lo definiscono uno shonen manga. Io lo definisco una figata e basta!

Ma andiamo subito con una veloce trama, che non porterà a nessuna attività spoilerosa, che sia ben chiaro.
sigla d’intermezzo a piacere
TRAMA
Attraverso 4 momenti divisi tra salti nel passato e nel futuro, i nostri protagonisti dovranno sconfiggere la più grnad eminaccia che l’umanità possa trovare, una minaccia che può portare l’umanità all’estinzione.
Nel manga troveremo un’organizzazione di deviati, che comandati dall’Amico cercheranno di controllare il mondo. Ci sarà un robot, una minaccia aliena e dei virus mortali!
Insomma, ci saranno tutti quei elementi che i bambini possono immaginare se gli viene chiesto di scrivere una storia di avventura. E questo è il punto della situazione, 20th century boys parlerà di qualcosa che alcuni ragazzi hanno immaginato da piccoli! E ritornare ai ricordi dell’infanzia sarà l’imperativo dei nostri protagonisti per capire come salvare il mondo dalla distruzione. Perché la loro missione sarà salvare l’umanità dall’Amico! Chi è l’Amico? Sta a voi scoprirlo, in una storia coinvolgente che vi farà passare l’appetito, il sonno, il posto di lavoro e probabilmente finirete su chi l’ha visto. Infatti fino a quando non finirete di leggere tutta la storia, voi non vi muoverete dal vostro angolo di lettura.

PERSONAGGI
I personaggi sono tutti descritti molto bene, ognuno ha i suoi pregi e i suoi difetti. La cosa che colpisce di più, è la loro normalità. Dopo aver letto la storia, se vi guardate in giro in treno, o al supermercato o dove volete voi, potreste scorgere una persona che richiama, per le sue caratteristiche normalissime, un personaggio della storia.

-Kenji, Occho, Yoshitsune, Maruo, Yukiji: 
 ce la faranno i nostri protagonisti a combattere il cattivo di turno?
     
Kenji,Occho,Yoshitsune,Maruo eYukiji sono alcuni dei ragazzi ormai divenuti adulti che dovranno sconfiggere l’amico. Kenji è il personaggio principale e il maggior partecipe alla creazione della storia fantastica con robot ed alieni che poi si concretizza realmente.

-L’amico
l'Amico il giorno della sua prima comunione
   
Capo della setta che diventa poi il partito dell’amicizia, cercherà di applicare tutta la storia di fantasia ideata da Kenji e dai suoi amici. E qua vi voglio, cari lettori, a capire chi è l’Amico. Patirete, soffrirete, sbatterete la testa contro il muro, tornerete a sfogliare i volumi già letti per carpire indizi, farete collegamenti tra i vari flashback e i vari flashforward. Insomma andrete fuori di testa fino al momento dell’ultima pagina, dove, dopo aver letto il finale, capirete tutto, e vi sarete pienamente soddisfatti di aver rinunciato alla vostra vita sociale per 3 mesi.


-Kana: 

Figlia della sorella di Kenj, sarà la protagonista principale di buona parte della storia verso la fine. Con lei scoprirete dov’è finita sua madre e alcuni collegamenti dell’Amico.

STILE
Come tutti i manga di Urasawa, lo stile delle vignette è semplice ma dettagliato. Questo stile lo si può notare più facilmente in altri manga, quali Monster, dove tutti glia ambienti sono definiti perfettamente, nonostante a semplicità del tratto (e per un giapponese rendere cosi fedeli gli ambienti di città come Praga, ce ne vuole).
La narrazione, come già detto, è composta da salti temporali, che a mano a mano che si va avanti con a lettura permette ai personaggi del manga, e quindi al lettore, di ricomporre tutti i ricordi che compone il piano finale dell’Amico e del suo partito dell’amicizia. Da notare che questi riferimenti narrativi non sono mai troppo difficili o noiosi.


Nessun commento:

Posta un commento