venerdì 11 maggio 2012

il disco che più amo dei Metallica


Domenica 13 maggio, come dicevo nel post sotto, vado a vedere i Metallica. Infatti con questa data scatta la mia personale stagione estiva dei concerti.
Quindi oggi parlerò del disco dei Metallica che io preferisco.

E visto che ho voglia di scrivere, ci faccio anche la premessa!
Premessa: prima di tutto i Metallica hanno una cosa che secondo me è geniale: il nome. Il nome Metallica ti comunica già cosa fanno, cosa sono!

Quindi, quando a 15 anni un mio compagno mi passò la cassetta (e sottolineo, la cassetta, non il cd o i mp3, la CASSETTA), rimasi impressionato dal nome:
METALLICA
e subito dopo dal titolo:
KILL’EM ALL
Bene o male, questo fu il quarto-quinto disco di musica pesante che mi venne prestato.
Quando sentì l’intro di Hit the Lights mi arrivarono un colpo al cuore ed uno alla testa.
Non era possibile che una band del genere facesse quel suono, non era possibile che una band suonasse cosi velocemente.
Ripeto, era il quarto o quinto disco metal-rock che ascoltavo: gli Slayer e tanti altri gruppi “veloci” non mi erano ancora arrivati. Facile ora con myspace e youtube, ma quella volta (era il 1996), i dischi o li scoprivi per caso (passaparola, compravi qualcosa a caso, vedevi la recensione su una rivista) oppure rimanevi con quello che avevi.
E dopo Hit the Llights, ecco che arriva in modo dilaniante The Four Horseman, per poi venire colpito da Motorbreath!
Quanto, scoprii più avanti, Dave Mustaine c’era dentro quelle canzoni!!!!
La cassetta poi mi presentò Jump in the Fire, che non so perché la riascoltai subito, per poi avere un attimo di calma (presunta) con Anestesia - Pulling Theet, per poi venirmi presentata Whiplash, che per me veramente fu un colpo di frusta!
A seguire Phantom Lord, le geniali No Remorse e Seek and Destroy, per finire con Metal Militia.

Ascoltai quella cassetta ininterrottamente per una settimana, sul lato B c’erano tali Offspring con “Smash”, ma li ascoltai tipo 10 giorni dopo, non era possibile che ci fosse altro di interessante in quella cassetta!
Beata innocenza, e non aggiungiamo altro
[ovviamente gli Offspring, quando li ascoltai, rimasi sorpreso in eguale maniera, che dischi che mi passò quel compagno di scuola]

Dopo Kill’em All mi arrivò Ride the Lightning, bello anche lui, ma mai come Kill’em All. Subito dopo fu il turno di Master of Puppets (bellissima la copertina), lo apprezzai ovviamente, ma mai come Kill’em All. Stessa cosa per Justice For All e il Black Album. Poi con Load e Reload persi interesse verso di loro visti i troppi cambiamenti stilistici (di quei due dischi per me si salva solo Fuel).

Come potete intuire, il mio disco preferito dei Metallica è Kill’em All. E’ una scelta strana, la gente preferisce infatti il Black Album o Master of Puppets, dischi più maturi, registrati meglio, più complessi e vari. Di sicuro hanno ragione, Kill’em All è uno sfogo di 4 ragazzini, però solo qui trovi le canzoni fatte con la passione pura e semplice, senza la maturità (artistica) necessaria per fare un buon disco. Qui ci sono solo riff veloci, presi anche in “prestito” da altre canzoni, qui c’è solo voglia di urlare e fare casino. Ma forse è per questo che Kill’em All mi piace e, quando lo ascolto, solo lui è capace di portarmi indietro al passato, di quando avevo 15 anni e una voglia tremenda di far casino!
 ma quanto è super-mega-fanta-figa la copertina? dai caratteri utilizzati, all'immagine, all'uso dei colori!

1 commento:

  1. Kill'em all vince di brutto come copertina!!!
    Come cd (quando li ascoltavo) ero più per And Justice For All ;)

    RispondiElimina