domenica 22 luglio 2012

La Marvel dell'era Quesada


12 anni di Joe Quesada! Questo è stato l’arco temporale dove Quesada è stato l’editor in chief della Marvel Comics. Ora, con l’iniziativa Marvel Now, il timone sarà completamente nelle mani di Axel Alonso.
12 anni dicevamo… dal 2000 al 2012, ovvero il tempo che uno nasce e si ritrova in seconda media.
Possiamo trarre delle conclusioni su questa lunga permanenza?
Certo che possiamo? Conclusioni positive o negative? Entrambe ovviamente!
Visto che il blog io lo vedo sempre con la presentazione di qualcosa di positivo, iniziamo con le cose belle e con qualche consiglio su cosa si dovrebbe leggere senza, ovviamente, spendere un sacco di soldi.
Ma tutto questo dopo un piccolo spot pubblicitario! Questi sono dei ragazzi che abitano nella mia zona, e sanno il fatto loro con i video blog! Ciao Matteo!
--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------

GLI AUTORI
Prima di tutto penso a gli autori migliori che sono hanno lasciato veramente qualcosa di positivo. Su questo argomento, Joe Quesada è riuscito a portare in casa Marvel due grandi autori. Sto parlando ovviamente di Grant Morrison e Ed Brubaker.
Attenzione! A questo punto, qualcuno potrebbe dire:
“E Bendis dove lo metti?? Lui ha rilanciato i Vendicatori\Avengers! Lui ha scritto tante cose per la Marvel di Quesada!”
E’ avete ragione miei cari lettori, ma vi chiedo di pazientare un attimo e poi vi dirò perché non l’ho ancora tirato in ballo! Troppo facile dire Quesada= Bendis= grande successo Marvel, qui dobbiamo fare un discorso particolare con un capitolo dedicato

Ma ritorniamo a noi…
Grant Morrison ha scritto un ottimo ciclo degli X-Men, che per chi è interessato tutta la run si può trovare nei 100% Marvel Best, così non rischia di perdersi nel  gigantesco mondo delle uscite mutanti.
X-Men di Morrison (e Quitely)

Ai disegni c’è Frank Quitely, che molti apprezzano. Non ho letto tuTta la run, ma mi è bastato leggere poco per capire che Morrison vede sempre un po’ più in là di tutti gli altri scrittori.
Ed Brubaker invece ha scritto diverse cose, ed è ancora in casa Marvel, a differenze di Morrison che già da qualche anno è ritornato alla Dc Comics. Di Brubaker mi vengono in mente i buoni cicli di Devil e Capitan America. Tra i due consiglio quelli di Devil, forse anche perché il personaggio mi sta un po’ più simpatico. Recuperatevi i Devil & Hulk dal 124 al 158, poi sappiatemi dire.
Il primo numero della run di Devil by Brubaker


 LE STORIE DA AVERE
Oltre agli autori che hanno impressionato di più e che sono state prime scelte di Quesada, è corretto elencare le grandi storie, quei piccoli cicli o eventi o personaggi singoli che veramente hanno lasciato il segno.
Vediamo di fare un elenco veloce e in ordine sparso delle storie che, secondo me, tutti dovrebbero avere perché sono state le migliori negli ultimi 12 anni:

1) La prima stagione degli Ultimates: Quesada ha puntato tanto sul mondo Ultimate e ha fatto bene!
La cosa migliore è stata la prima stagione degli Ultimates di Millar & Hitch! Per avere queste storie recuperate i numeri di Ultimates 1÷4, 7÷9 (prima serie), 16÷27 e 29 (seconda serie). Oppure recuperate le ristampe fatte in due volumi 100% Deluxe intitolati "Superumano" e "Sicurezza Nazionale".
 Gli Ultimates disegnati da Hitch! Che belli!

2) e qui magari vi sorprendo… da avere assolutamente l’Immortale Iron Fist di Matt Fraction e Ed Brubaker! Le storie le trovate in 6 100% Marvel intitolati (per l’appunto) “l’Immortale Iron Fist”. Lasciate pure il sesto volume perché un riempitivo stupido, ma i primi 5 volumi sono DA AVERE! Vi assicuro che sono bellissime storie, e mi spiace che la Panini quella volta le ha pubblicizzate poco.
 Iron Fist, molto sottovalutato dai lettori italiani, colpa anche
del formato non propriamente economico

 3) Civil War! Sissignori, Civil War è stata una bellissima storia! In funzione delle vostre disponibilità op recuperate la serie principale, proposta su Marvel Miniserie 79÷82 (Civil War 1÷7) oppure recuperatevi i 3 volumi Omnibus raccolti in cofanetto dopvevete tutte le storie di tutti personaggi collegati (Uomo Ragno, Wolverine, Capitan America, saga principale ecc.)! Nonostante odi a morte gli Omnibus , questi volumi non sono molto grossi, si riescono a portare in giro e soprattutto si riescono a tenere in mano. Insomma, non sono porcherie impossibili da leggere come gli Omnibus di Thor di Walt Simmonson!

Civil War, chi vincerà?

4) Spider Man di Strackzynski & Romita Jr! Bellissima storia, dove dopo doversi anni di storie un po’ “così così” il personaggio viene risollevato. Che sia ben chiaro, leggete lo Spider Man di Strackzynski fino a l’evento di Civil War! Per non spendere troppi soldi nel recuperare diversi numeri dello spillato di Spider Man, direi che per iniziare e giusto per capire se può piacere, è meglio recuperare solo Spider Man Strackzynski / Romita Jr Collection 1 : Tornando a casa. 17 euri e passa la paura.
 se Strackzynski cambierebbe cognome farebbe un favore a tutti,
devi sempre correggere quello che hai scritto 

 5) I ThunderBolts e di Ellis & Deodato! Belli belli! Sono 11 numeri pubblicati a  partire da Spider Man 473. visto che Paini li usava come mero riempitivo (nonostante sapevano della validità del prodotto) del quindicinale dell’Uomo Ragno. Non è che siano stati pubblicati su ogni numero. Vi consiglio quindi di prendere il volume 46 delle Grandi Saghe, risparmiate e avete in unico volume tutto quanto.
 i migliori Thunderbolts mai scritti

 6) Il Thor di Jurgens & Romita Jr! E’ forse la mia run preferita, assieme a lla priam saga degli Ultimates. Leggetela,a anche se qui dovete recuperare tutti i Thor (ultima serie) che vanno dal numero 1 al numero 80 circa. Mi sono ripromesso di fare più volte un blog su questa run, e prima o poi la farò. Vi assicuro che la storia è FANTASTICA e vedrete un Thor che ha ancora un alter ego e che per la prima volta porterà Asgard sulla terra, altro che quella porcheria di Assedio/Siege!
 una delle run più belle degli utlim anni, purtroppo poco pubbliccizzata

7) House of M. Questa bellissima storia di Bendis la trovate su Marvel Miniserie “House of M” 69÷72: una storia da avere, bella bellissima. In questa storia Bendis si merita il trono di regista di tutto l’universo Marvel. House of M è veramente una bella storia, che cambia tutto e tutti i personaggi. Da prendere a scatola chiusa. E no… non ancora arrivato il momento del discorso su Bendis! Gira anche l’Ominibus di questa storia, ma lo sconsiglio, fate prima a recuperare gli spillati e risparmiate diversi soldi. L’Omnibus viene 25 euro e ha la stessa storia che come spillato la trovate a 12-15 euro, oppure, se site più fortunati, prendetevi le grandi Saghe 53 a 9,9 euro!

  House of M, il punto iniziale dell'era Bendis

BRIAN MICHAEL BENDIS
Vi ho fatto attendere, è vero. Ma ora parliamo di Bendis, perché dove c’era Quesada c’era anche lui. Sempre.
Bendis ha avuto la capacità, con il benestare di Bendis, di fare alcune cose molto importanti, ad esempio rilanciare i Vendicatori. Gli anni ‘90 non sono stati molto positivi per il gruppo simbolo della Marvel… vuoi perché tutti gli preferivano i mutanti, vuoi che la Rinascita degli Eroi era una cosa leggermente sfigata, vuoi che l’unico evento che mi ricordo con piacere è stato Operation Galactic Storm…insomma i Vendicatori erano completamente a terra. Perfino Jhons, che è per il mondo Dc è da considerare il dio in terra, non è riuscito a creare una bellissima run
Bendis con il suo Vendicatori Divisi ha rivoluzionato tutto e ha reso importanti personaggi considerati fino a prima “minori”, Luke Cage è l’esempio più calzante!
Inoltre come non elencare il suo Devil, fatto in coppia con Maleev, oppure il mondo Ultimate. I primi 6-7 anni del mondo Ultimate sono strabilianti, storie fresche belle! Poi ovviamente tutto cala, ma tutto quello che Bendis ha fatto fino ad Ultimatum è da Premio Oscar.
Tante belle cose, e ve lo dice uno che non è mai stato un suo grandissimo fan, a volte i suoi testi mi lasciano perplesso, come ho scritto poco tempo fa qui.
Secondo me, la sua cosa più bella è stata House Of M, potrei anche suggerire di leggere Vendicatori Divisi, però la vedo come una storia molto complessa, forse leggendo i 100% Marvel best a loro dedicati tutto sembra più scorrevole, ai tempi su gli spillati di Thor dovevo sempre andare indietro di 1-2 numeri per ricordarmi il tutto e fare i giusti collegamenti.
  per chi vuole provare Vendicatori divsi senza troppa spesa, ecco
 la parte inziale sulle Grandi Saghe 53


I DIFETTI DELL’ERA QUESADA
Tra tante cose belle, ovviamente c’è qualcosa che non è stato positivo. Ci sono 2 cose che non mi sono piaciute.
1)La distruzione di Spider Man, lo scioglimento del matrimonio ecc. ecc. 25 anni di storie buttate nel cesso con tanto di doppio sciacquone. Potevano almeno buttarci un po’ di Deo Spin, sento ancora la puzza della porcata. E qui reputo Quesada il maggiore colpevole, poco cosa farci.
2) il voler a tutti i costi creare una continuità legata al megaevento del momento! In funzione di mega eventi poco incisivi (Secret Invasion, Dark Reign, Siege, Fear Itself ecc) tutti gli scrittori devono scrivere storie legate ad esso. In questa maniera eliminiamo la possibilità di creare run e storie slegate dove il personaggio svolge un percorso scelto esclusivamente dall’autore.
Prima citavo lo spider man di Strackzynski. Bello bellissimo, hai un nemico vip come Morlun! Poi arriva Civil War, che nonostante sia stato il mega evento più bello finora, Strackzynski deve adeguare il personaggio e la storia ad esso. Quindi abbiamo un Peter Parker che si smaschera, la sua famiglia braccata, ecc, ecc,
Per questo vi consigliavo di leggere solo la sua prima parte, poi lo scrittore sicuramente non è più riuscito a descrivere il personaggio come lui voleva. E da quella volta, per tutti i singoli personaggi nelle loro testate, tutto è peggiorato. Speriamo che le cose migliorino, se continuiamo così sotrie come il Thor di Jurgens non le vedremo più!

Poi c’è un’altra cosa che considero un grande difetto dell’era Quesada, anche se non credo sia completamente colpa sua. Con il passaggio della Marvel alla Disney, le storie si sono appiattite, tutti personaggi devono essere molto similari ai film e le storie hanno subito un rallentamento non indifferente. Inoltre se un personaggio op un gruppo è popolare, bisogna puntare solo ed esclusivamente su di loro. Quindi, accantoniamo gli X-men che valgono poco e facciamo quattrocento mila trliardi di testate su i Vendicatori. Ovviamente i stessi personaggi fanno parte di. E visto che Spider Man e Wolvenire, che sono i personaggi più adorati della Marvel in generale, è giusto che anche loro vadano con i Vendicatori, snaturando quindi l’idea di Spider Man come personaggio solitario e di Wolverine che è un mutante, quindi un X-Men!
Cara Disney, se continui così, troverai nuovi lettori tra i 12 enni, m ne perderai tanti tra quelli che hanno qualche lettura alle spalle e tutto lo zoccolo duro.

Spero che questi mio picolo excursus sui 12 anni di Quesada in Marvel siano stati chiari e che vi possano dare piacere tramite qualche nuova lettura. Ovviamente i commenti sono ben accetti, sia per proporre storie che magari non ho citato (si lo so, non ho messo le saghe cosmiche marvel Abnett e Lanning, ma così rischiavo di emttere troppi volumi da recuperare) sia per darmi eventuali correzioni su i formati con cui sono stati pubblicati i volumi. Perchè spenere tanti soldi se si può scegliere che formato avere? ricordiamoci che il fumetto deve essere un hobby poco economico, deve essere un riempitivo della giornata, non si può entrare nell'ottica di avere volumi "da collezione" e che facciano bella figura nelle libreria di casa propria (ogni riferimento a gli Omnibus da 50 euro è puramente casuale).
Infine, grazie al mio fumettaro Marco (ciao Marco!) che mi ha dato qualche consiglio su questo blog. Lui sì che sa!

Nessun commento:

Posta un commento