lunedì 10 settembre 2012

The Mighty Thor: un'altra scusa per parlare di epica



Incredibile, qualcuno ha letto il mio post sulla mitologia greca & Wonder Woman! E gli è anche piaciuto! E mi ha anche consigliato di fare quello su Thor e i miti del nord!
Non posso fare altro che scrivere qualcosa!
Come vi dicevo qui, se la Dc Comics ha Wonder Woman e i miti greci, la Marvel Comics creo Thor, dio mandato sulla terra per punizione dal padre Odino.
Nel corso del tempo, tutti gli autori hanno utilizzato vari personaggi della mitologia nordica per le proprie storie. Il più inflazionato ovviamente è Loki, ma non dimentichiamoci di Odino, Balder, Siff, Volstagg, Tyr e Hogun.
Ovviamente, se qualcuno vuole leggere qualcosa, consiglio a tutti la run di Walt Simmonson, apparsa su Silver Surfer 1÷13 e Thor 1÷30, entrambi sotto editore Play Press. Se non volte recuperarvi questi numeri, allora vi conviene spararvi i due Ominibus (uno già uscito, l’altro di prossima pubblicazione) dedicati a questa saga.

 il Thor di Simonson. da notare la sua firma a forma di dinosauro (sua passione da bambino) in basso a sinistra.

 Prendendo come rifermento l’Edda di Snorri Sturluson, la mitologia nordica si sviluppò con riferimenti che ricordano la Kàbala ebraica, con la genesi della bibbia ed alcuni racconti mesopotamici.
All’inizio c’era solo un grande abisso, e questo vuoto era chiamato Gunnungagap. All’interno del Gunnungagap c’era l’albero Yggdrasil, l’albero cosmico della vita che sosteneva due mondi Muspell, il regno del fuoco e Nifelheim, il regno dell’oscurità.
Questi due regni erano divisi da Hvergelmir, una cascata d’acqua che alimentava con i suoi 12 fiumi il vuoto esistenziale. I fiumi, scorrendo attraverso Gunnungagap, creavano dei blocchi di ghiaccio.
Il caos originale, il big bang nordico, si sviluppò con la caduta di fiamme dal regno di Muspell sopra i blocchi di ghiaccio, formando gigantesche nuvole di vapore che formarono tutti gli elementi: lo spazio, il mare e una landa ghiacciata.
Il fuoco, cadendo sulla terra ghiacciata, cominciò a generare gli esseri viventi. Per prima venne generata la mucca Audhumla, la Madre Spazio. La mucca cominciò a leccare il ghiaccio e liberò il gigante Bur, mentre dalle gocce di ghiaccio si formò il gigante di ghiaccio Ymir. Inoltre sorgono 9 mondi sostenuti dall’albero Yggdrasil. Questi mondi sono uniti dalle infradimensioni Nilflheim.
Bor genera i primi dei, ovvero Odin, Vili e Ve.
Odin si stabilisce nel suo mondo, chiamato Asgard, che è unito attraverso un’infradimensione dove è posto a guardia il dio Heimdall. I dei vivevano felici e si alimentavano attraverso le mele della gioventù coltivate dalla dea Idun. Ma ad Asgard c’erano due diversi lignaggi di dei, gli Aesir ed i Vanir. Gli Aesir, con a capo Odin, erano di natura guerriera e viveva nel Valhalla, mentre i Vanir erano di natura inferiore ed abitavano il Vanaheim.
Ci saranno diversi conflitti tra questi dei e, soprattutto, tra Odin e i giganti di ghiaccio.
La fine del mondo degli dei, avverrà con il Ragnarok, la battaglia finale dove tutto scomparirà.
Qua sotto farò un piccolo elenco dei principali dei che abitano il Valhalla.

DIVINITÀ MASCHILI:
Odino dio supremo, Thor (Donar) dio della forza, Freyr dio delle forze fecondanti, Niord dio dei venti, Balder (o Baldur) dio della bellezza e dispensatore di bene, Widar dio della riservatezza, Wali e Uler maestri nel tiro con l'arco, Heimdall guardiano del Walhalla, Forsete dio della pace e della concordia, Tyr dio della guerra e della vittoria, Hoder dio della notte, Braga dio del vaticinio.

DIVINITÀ FEMMINILI
Frigga, regina delle dee e sposa di Odino, Freia dea dell'amore, Iduna dea dell'immortalità e sposa di Braga, Laga amica di Odino, Gefio dea della verginità, Loffa (o Lofn) protettrice dell'armonia coniugale, Rinda madre di Wali, Eira la guaritrice, Gerda sposa di Freyr, Sygn (o Syn) la giustizia, Var (o Wara) dea della fede e della verità, Sol dea del sole, Gna la messaggera degli dei, Hlyn e Fylla ancelle di Frigga, le walchirie donne guerriere, le Norne che sono le Parche germaniche.

Nessun commento:

Posta un commento