venerdì 30 agosto 2013

NoFx live @ Cvetličarna - Ljubljana 29/08/13

Ieri sono andato a vedere a Lubiana i NoFx.
Andare a vedere i NoFx è sempre una sorpresa, non sai mai che canzoni ti propongono, visto il loro vasto repertorio e non sai mai quante battute e gag riescano a tirare fuori Fat Mike e soci.
L’unica cosa certa è che i NoFx non deludono, divertono sempre e dimostrano sempre di essere un gruppo solido, che suona bene che si sa ancora divertire. Trovatemi voi una band che, dopo 30 anni di carriera, si diverte ancora così tanto sul palco. A me vengono in mente solo i Sick of It All. probabilmente ce ne saranno anche altre, ma ben poche.

Il concerto si è svolto al Cvetličarna, locale a cui ero andato una sola volta in vita, tipo nel 2006 a vedere i Good Riddance. Il club, molto carino ed intimo, lo trovo subito adatto per lo show, anche perché aveva la grandezza adatta  per ospitare tutte le persone accorse.
Come gruppi di apertura, troviamo i Golliwog, and slovena che suona un buon punk rock e che girano abbastanza nel circuito di concerti in Slovenia. Una bella band, con una brava cantante ma, che alla lung,a possono risultare noiosi e ripetitivi. Di sicuro meglio loro che i californiani Bard Wire Dolls. La Band, composta da un chitarrista, un batterista, (un bassista disperso, o almeno sul palco non c’era) e da una cantante che sembra un mix tra Crudelia Demon, una ballerina da lap dance e Curtney Love. Uìkipedia mi dice che questa band, dedita ad un rock ruvido, cattivo e bruttino, ha fatto ben due dischi (gasp!) e mi conferma che non hanno il bassista. Nonostante questo, sul palco riescono a creare una sorta di spettacolo e a una parte del pubblico piace. Sinceramente, non so se questo “piace” è legato al fatto che piacessero come musica proposta o per le movenze feline (o da signorina buonasera) della cantante, ma de de gustibus no disputandum est.

Ma finalmente arrivano loro i NoFx! E noi riusciamo a scattare una foto con la scaletta.
E voi direte, che ci frega? Esatto, è una foto che di per sè non ha valore ma, come vi dicevo, i NoFx sorprendono sempre! Si perché nonostante la scaletta che c’è qui in foto, non l’hanno eseguita, o almeno ne hanno fatto una parte. Per il resto, si vede che decidevano sul momento.
Scaletta rispettata? Sì come no!

Si inizia subito con “Dinosaurs Will Die”, song che fa impazzire il pubblico, per passare a "Murder the Governement”, “Bob” e “Quart in Session”. Ovviamente tutte queste canzoni vengono intervallate da monologhi del simpatico Fat Mike, che riesce sempre a far partecipare il pubblico e a divertirlo.

Altre canzoni che non potevano mancare, dal mio punto di vista, “72 Hookers”, “Fuck the Kids”, “Linoleum”, “Eat the Meek”, "I believe in Goddess", “Mattersville”, “Franco Un-American”, We Called it America,”, “The Brews”, e “Kill All the White Man”.
Anzi, beccatevi qua sotto "I believe in Goddess" per l’appunto.
 

o se avete un po' di tempo, eccovi qua lo show completo
 


Purtroppo mancano all’appello “Dont’ Call me White” e "The Separation Of Church And Skate”, canzoni tra l  mie preferite, ma per la loro immensa discografia e per il numero molto alto di canzoni che la gente vuole live, era impossibile accontentare tutti.
Il pubblico ovviamente e come sempre in Slovenia, si lascia coinvolgere e coinvolge la band. Cosa impossibile da trovare in Italia. Alla chiusura dello show, non si è visto Melvin suonare la fisarmonica (strano) ma, per chi voleva rimanere, proprio il nostro eroe si presentava come Dj per allietare tutti quelli che volevano rimanere in locale fino alle 6 di mattina.



Per concludere, grande show e grandi NoFx, una band da vedere almeno una volta al mese!


Nessun commento:

Posta un commento