giovedì 14 novembre 2013

Recensione: Ratolik

Ad un anno di distanza da Allen, parodia ratmaniana dedicata ad Alien ed al film pre Alien Prometheus, il buon Leo Ortolani ritorna con la nuova opera del ratto, che stavolta si immedesimerà in Diabolik, anzi no scusate, Ratolik!


 
Fantastica l’idea di ideare l’albo in formato tascabile stile Diabolik, con tanto di copertina uguale uguale e retro con disegno di una ragazza, in questo caso Ada.

E vedete di non fare paragoni con Ada – Cinzia Otherside visto che è sul retro.


Per non parlare poi della disposizione del numero delle vignette sulla pagina e della regia delle vignette stesse, con tanto di primi piani uguali uguali ai fumetto di Diabolik

Una storia esilarante, divertente, dove scoprirete come andare fuori a cena, cosa fa”swiss”, come sfuggire agli inseguimento della polizia, perchè Diabolik-Ratolik ad avere sempre i capelli perfetti (una cosa che io mi son sempre chiesto tra l’altro) e, cosa più importante, come ridere dalla prima all’ultima pagina di un fumetto.
 

Ci sarà un seguito per Ratolik? Speriamo!

Nessun commento:

Posta un commento