mercoledì 30 dicembre 2015

Top & Flop 2015: i dischi che ho ascoltato

TOP (in ordine casuale)




 Good Riddance "Peace in Our Time"






Strung Out "Transmission Alpha Delta"



FLOP (in ordine casuale)


Cancer Bats "Searching for Zero"



PREMIO SIMPATIA (band che si faranno conoscere)

Siberian Meat Grinder "Hail to the Tsar EP + Versus the World EP"

Not On Tour "Bad Habits"

Disco che all'inizio non mi ha convinto ma, nel corso del tempo mi ha fatto cambiare idea






martedì 29 dicembre 2015

I comics che vorrei leggere nel 2016

Il 2015 è quasi finito e quindi è giusto fare dei bei pensieri per il 2016.
tralasciando i buoni propositi ecc, a livello fumettistico io ho due piccoli desideri.
piccoli sì, ma di sicuro quasi impossibili che si possano realizzare. Questo perchè non credo che Panini Comics e Lion Comics abbiano la volontà di pubblicare queste due ottime serie.

Il primo dei due desidero è vedere completa ed in un unico volume la serie completa di Peter David di Captain Marvel.



Pubblicata inizialmente sul mensile di Thor, la serie passò successivamente sui Fantastici Quattro per poi NON venire mai conclusa.
E la serie è anche corta, solo 25 numeri.
Ci sono già anche 4 volumi USA già pronti, basta prenderli e tradurli!
Se è una cosa che non voglio proprio fare, è andare su Amazon ad acquistarli!


Il secondo desiderio è la serie di Shazam, che conta in 47 mensili, un annual legato al megavento "One Million" e un postumo numero 48 per il megaevento "La Notte Più Profonda".



Dai noi in Italia è arrivato solo la miniserie apripista alla serie "The Power of Shazam".



L'autore di punta? Jerry Ordaway!


sono desideri impossibili? Probabile, che mi sa si sommano a quelli che avevo già detto qui.

Bye bye Lemmy

Bye bye Lemmy, ho avuto veramente piacere a vedere te e la tua band per 3 volte.
Non avrò più questa occasione.
R.I.P.

Motorhead "Ace of Spade"


Motorhead "God Save the Queen"





mercoledì 9 dicembre 2015

E se i fumetti Dc...?

Prefazione:

Le ultime notizie di cambi al vertice in casa RW-Lion Comics, i continui ritardi nelle uscite, la distribuzione a macchia dei spillati in edicola e gli errori di stampa, hanno definitamente gettato nello sconforto i lettori dei fumetti Dc.

  

C’è chi spera in un cambio di editore, c’è chi vorrebbe che la Panini, già licenziataria de diritti Marvel, prenda anche quelli Dc.
Nella storia del fumetto italiano, la Dc Comics, non ha mai avuto fortuna a differenza dei personaggi Marvel.
La Marvel è diventata famosa in Italia negli anni 70 grazie all’Editore Corno, che pubblicò nella penisola un ampio parco testate. Poi arrivò la Star Comics e successivamente la Marvel Italia / Panini Comics.
La Dc invece? All’inizio di furono sporadici tentativi con alcuni personaggi da parte di editori come Mondadori Cenisio.
Negli anni 90 la Play Press stampò abbastanza materiale, anche se stampato male o in collane difficili da reperire se non si aveva una fumetteria nelle vicinanze. Poi nel 2000 ci fu una piccola interruzione per arrivare poi alla Planeta de Agostini nel 2007. Causa i partner italiani anche questo editore non riuscì a fare bella figura: errori di traduzione e refusi vari portarono la Planeta a rinunciare di rinnovare i diritti con Dc per l’Italia. 
E pazienza se questo editore portò un Italia alcuni formati albi (poi imitati da Panini) oppure furono i primi a fare massicce opere di ristampe di storie passate (poi imitati da Panini).
Dal 2012 i diritti sono in mano alla Rw-Lion Comics ma l’andazzo non sembra cambiare.
Tutto questo a fronte di una pubblicazione di storie di qualità superiore a quelle Marvel.

Giusto per citare le ultime letture… Infinity…. Original Sin…. Sfido chiunque a reputarli buoni “megaeventi” dopo aver letto Multiversity o Convergence. 

Invece, grazie alla grande pubblicità che fa sempre Panini dei propri prodotti (bravi!) ed alla mancanza di un editore italiano capace per la Dc, i lettori italiani si stanno perdendo ottime storie di fumetti di supereroi.

Che prefazione esagerata… andiamo al succo del post. Quello a cui pensavo oggi era:
e se la Corno avesse è preso i diritti Dc Comics?
In pieno stile “What If?”, invento cosa sarebbe successo se I fumetti Dc fossero stati sempre pubblicati in maniera corretta ed opportuna in Italia.



Anni 70: l’editore Corno pubblica alcune testate intitolate Superman, Batman e Flash. In appendice a queste personaggi abbiamo Martian Manhunter (Superman), Wonder Woman (Batman), e Lanterna Verde (Flash). Successivamente avremo anche testate come Justice League con in appendice Aquaman.

Anni 80: dopo una piccola interruzione causa fallimento della Corno, un piccolo editore di Perugia, la Star Comics, inizia la pubblicazione di Batman, con in appendice Superman. Nel giro di pochi mesi la testata inizia a vendere e Superman riceve una testata tutta sua. Le storie vengono riprese da dove le ha interrotto laCorno, creando così una differenza rispetto le storie USA di circa 7-8 anni.
Sul finire degli anni 80 viene pubblicato il megaevento “Crisi Sulle Terre Infinite”. Altri editori come Play Press e Comic Art acquistano diritti di fumetti di supereroi.
Star Comics pubblica Batman, Superman, Flash, Wonder Woman, Supergirl e la Justice LeagueGli altri editori si dividono Teen Titans, Justice League America, Otusiders e altro ancora.

Anni 90: nasce la Dc Comics Italia che ottiene le licenze di tutti personaggi Dc Comics. Vengono create moltissime testate che, in giro di pochi mesi, sono quasi tutte allineate a circa 3 anni rispetto le uscite USA. Finalmente i lettori italiani potranno leggere le storie Dc senza sbalzi cronologici.

[off topic…non finirò mai di ringraziare Marvel Italia per averlo fatto veramente con i fumetti Marvel]

Lucca Comics 1994 è lo starting point: vengono presentati i numeri 0 di Superman, Batman, Flash Lanterna Verde. Successivamente arriva anche Wonder Woman.

Fine anni 90: arriva Panini con la sua divisione Panini Comics: viene assorbita Dc Italia.
Il colosso modenese nel giro di qualche anno è il principale licenziatario di fumetti in Italia. Tutti conoscono i fumetti Dc.

Oggi: i forum impazzano di commenti su l’appena concluso Multiversity. La sua edizione in omnibus viene annunciata da Anteprima per dicembre 2015, proprio sotto natale.
Intanto Convergence si sta imponendo come megaevento dell’anno.
In attesa anche di una nuova edizione economica della “Nella Notte più Profonda” e di “Nel Giorno più Splendente”.
Flashpoint a gennaio 2016 uscirà in formato economico allegato al Corriere della Sera e Gazzetta dello Sport.
In omnibus prossimamente ci saranno le edizioni di del settimanale 52Gotham Central e la raccolta di tutti i primi 52 numeri dell’evento New 52. Infine, a febbraio 2016 verrà distribuito il cofanetto con gli omnibus di Crisi sulle Terre Infinite, Crisi Infinita e Crisi Finale.
Non si sono ancora calmate le polemiche su Lucca Comics 2015: l’editore ha venduto in proprio, prima di distribuire le copie in fumetteria, il cofanetto con all’interno i due stupendi (e tradotti benissimo) omnibus diWatchmen e Before Watchmen.

Tutti gli appassionati hanno letto ed apprezzato:
  • Wonder Woman di Perez;
  • Superman di Byrne, la sua morte per mano di Jurgens;
  • Batman di Morrison, per non parlare dei capolavori di Frank Miller o delle innumerevoli storie quali, “Una Morte in Famiglia”, “Il Lungo halloween”, “Cosa è Successo al Cavaliere Oscuro”, “Batman Terra 1”, “Hush” ecc;
  • New Titans di Wolfman;
  • Kingdome Come, che ha fatto conoscere al pubblico italiano Alex Ross.



 Inoltre, con i diritti Dc, Panini può pubblicare i fumetti della linea Vertigo.
Tutti in Italia hanno letto ed apprezzato Hellblazer, Swamp Thing e Animal Man, soprattutto grazie alle ottime edizioni finora pubblicate.

E i fumetti Marvel in Italia? Poco o niente. I fumetti Marvel in Italia non hanno mai trovato dei buoni editori. Sono state pubblicate pochissime cose. Al momento si vocifera che dopo l’evento Secret Wars un nuovo editore si affaccerà al mercato pubblicando le nuove avventure dei supereroi. Tutto questo grazie solo ai film che hanno avuto un ottimo riscontro ai botteghini.
Infatti, se non era per loro, il pubblico italiano conoscerebbe solo Spider Man e gli X-men, scoperti grazie ai cartoni animati degli anni passati.

P.S. Di sicuro ho perso per strada qualche opera omnia con marchio Dc Comics. Non vogliatemi male.

martedì 8 dicembre 2015

Shandon, nuova reunion

Sul sito Punkadeka leggo questa dichiarazione da Olly, cantante degli Shandon:

 Dal 2005 me l'avete chiesto tutti "Dal 2005 me l’avete chiesto tutti
“Quando tornano gli Shandon?”
Una domanda semplice, ma che aveva delle risposte molto difficili. Nel 2012 c’è stato il tour reunion, una bella rimpatriata, ma non è bastato.
“Quando tornano gli Shandon?”
E io mi chiedevo, che energia ci potrebbe essere quando il percorso della band si era fermato nel 2005 perchè priva di idee, forze, voglia e entusiasmo?
Per me gli Shandon degli ultimi anni erano una sofferenza, una fatica.
Non riuscivo a sentire mia questa creatura, mi sforzavo stupidamente di far finta di niente, ingoiando bocconi amari, ma questa cosa andava avanti da troppo.
Negli anni ho avuto altri gruppi, fatto altre esperienze, mi sono confrontato con tantissimi musicisti.
“Quando tornano gli Shandon?”
Negli ultimi sei mesi ho avuto la fortuna di suonare per il piacere di farlo con degli amici musicisti, tra cui anche Max, al trombone nella band per un lungo periodo, ma mio amico da sempre,.
Ci siamo ritrovati come agli inizi.
Si suonava e basta.
E mi sono potuto riappropriare di quella energia, quella forza che aveva fatto nascere tutto.
Solo allora ho deciso di tornare con loro, i miei nuovi compagni di viaggio, oltre a Max che voi tutti conoscerete, oggi vi presento: Alecs, Iasko, Massa e William.
Questi sono i nuovi Shandon, e vi facciamo subito sentire la prima cosa che abbiamo registrato in sala prove, quando la scintilla per me si è accesa di nuovo.
vi aspetto da Gennaio nell’unico posto dove siamo sempre noi: il palco
Olly

Quindi, gli Shandon ritornano in pista.


Ai tempi apprezzavo molto questa band. E per tempi intendo la fine degli anni 90-primi 2000.
Insomma quando lo skacore andava di moda, la band a me più gradita erano gli Shandon.
La prima volta che li vidi erra nel 2000, nella loro ultima data del tour promozionale a “Fetish”, disco a cui sono legatissimo e che ritengo ancora ora il migliore della loro discografia.

L’ultima volta che li ho visti è stato al Punk Rock Holiday 2012, durante una loro prima reunion, dove ho visto una band spenta e con poca voglia di suonare
Ma, se si tralascia questo ultimo momento, si può dire che gli Shandon hanno avuto un grandissimo successo nel corso degli anni.
La band si formò nel 1994 e pubblicò un demo intitolato “Punk, Billy Ska, Core”.
Nel 1997 uscì poi il loro primo disco ufficiale, “Skamobile”. La band acquisii molto successo, riuscendo a suonare in Europa di spalla a band come Rancid e Offspring.
Nel 2000 uscì, come già detto prima, “Fetish”. La notorietà aumentò ancora di più e venne ristampato nel 2001 “Punk, Billy, Ska, Core”, che raccoglieva i vari demo e il primo album “Skamobile”.

Nel 2002, il disco che vendette di più e che fece conoscere a tutti gli Shandon“Not So happy to be Sad”.

Nel 2004, poi, arrivò “Sixtynine”, ultimo disco della band.

Seppure “Not So happy to be Sad” fu il loro disco più famoso, io consiglio sempre a tutti “Fetish”.
Questo disco presenta veramente l’esatta unione tra il punk e lo ska, grazie a canzone come “Placebo Effect”, raggiungendo il massimo con la cover della trash song dei Metallica “Seek and Destroy”.

Punk Rock Holiday 1.6

Prime conferme per il Punk Rock Holiday 2016, festival che si terrà dal 9 al 12 agosto 2016 a Tolmin in Slovenia.


Moltissime le band a me gradite: NoFx, per il probabile tour del loro nuovo album, attualmente in registrazione,Descedents, Flag, Strung Out e, soprattutto, i No Fun At All.
No Fx


Descendents

No Fun At All

La band svedese ha avuto un grandissimo successo negli anni 90, pubblicando album come “No Straight Angels” (1994), “Out of Bounds” (1995), “The Big Knockover” (1997) e “State Of Flow” (2000).
La band poi si sciolse nel 2000.
Successivamente, la band si riformò nel 2008 e diede alla luce “Low Rider”. Da quel momento la loro attività live fu fatta da sporadiche comparsate a qualche festival o suonando in qualche data solitaria.
Aspettavo l’occasione da anni di poterli vedere e, finalmente ce la farò.
Qua sotto i No Fun At All in un recente live:






venerdì 4 dicembre 2015

I Megaventi Marvel

Con l’arrivo di Secret Wars 0, ed il suo acclamato successo (è incredibile, è appena uscito un numero ma in rete gira già l’idea che è un successo...) mi accorgo che, sono una decina di anni che la Marvel, ogni 6-7 mesi, ti propina un nuovo mega evento.
Una volta queste storie, per lo più dei crossover, erano annuali e coinvolgevano i gruppi del momento (ad esempio, negli anni 90 c’erano solo i mutanti).

Oggi, se non sei un lettore completista e non ti appassioni ad un singolo personaggio, leggere solo i mega eventi può essere una buona cosa per comprendere e tenersi aggiornati su tutto il mondo Marvel.

Veloce elenco con le varie uscite italiane. Speriamo di inserire tutte perché le edizioni, soprattutto di alcune storie, sono molteplici.

HOUSE OF M di Bendis e Coipel (2005)
Marvel Miniserie 69÷72. Disponibile anche in Omnibus e Grandi Eventi Marvel



CIVIL WAR di Millar e McNiven (2006)
Marvel Miniserie 76÷82. Disponibile anche in Omnibus, Grandi Eventi Marvel e Marvel Best Seller


 SECRET INVASION di Bendis e Yu (2008):
Marvel Miniserie 93÷100. Disponibile anche in Omnibus e Grandi Eventi Marvel



 DARK REIGN di Bendis e A.V. (2009)
Marvel Miniserie 101÷106. Disponibile anche in Omnibus e Grandi Eventi Marvel



ASSEDIO di Bendis e Coipel (2009)
Marvel Miniserie 107÷111. Disponibile anche in Omnibus e Grandi Eventi Marvel



FEAR ITSELF di Fraction e Immonen (2011)
Marvel Miniserie 118÷125. Disponibile anche in Omnibus e Grandi Eventi Marvel



AVENGERS vs. X-MEN di A.V. (2012)
Marvel Miniserie 128÷134


AGE OF ULTRON di Bendis e Hitch (2013)
Marvel Miniserie 139÷144


INFINITY di Hickman e A.V. (2013)
Marvel Miniserie 145÷150


ORIGINAL SIN di A.V. (2014)
Marvel Miniserie 151÷156



AXIS di A.V. (2015)
Marvel Miniserie 157÷160




A queste potremmo aggiungere, soprattutto se legate a primi crossover, la run:
VENDICATORI DIVISI di Bendis e Finch (2004)
Pubblicata per la prima volta in appendice a Thor & i Vendicatori, più che gli spillati conviene recuperare nel volume 100% Marvel Best.



Qual è l’edizione più conveniente? Potrei dire gli spillati, se uno si sa come muovere nel mondo dell’usato, Se no i Grandi Eventi Marvel sono una soluzione abbastanza economica. Prima o poi tutte queste run verranno stampate in questo formato.

The Flash tv series 2

Continua ad essere sempre più piacevole la serie tv di Flash, giunta alla seconda serie.


Meno telenovela e pesante di Arrow, meno “schiocchina” di Supergirl, Flash si ripropone in una serie dove si affronterà Zoom, ci sarà l’incontro con Jay Garrick, il Flash di Terra 2, la scoperta dei 52 mondi paralleli e del Multiverso (che diede l’ispirazione anche alla serie tv Fringe).



E per i vari fan del Flash anche versione comic, ecco la Easter Egg apparsa nel secondo episodio.



Cosa ricorda? Ovvio, la cover di Flash 123, dove Barry Allen incontra per la prima volta Jay Garrick

Batman vs Superman: Dawn of Justice

E così, dopo quello di Civil War, ecco il trailer di Batman Vs Superman.


Qui sotto il trailer in inglese:



Detto fra noi, il Batman con attore Ben Affleck mi fa un po' paura, forse perchè lo collego ancora all'orribile Daredevil.

Però, sono contentissimo per due cose:

Wonder Woman

Doomsday


Gasato? Sì tantissimo!